Cosa è la fainè?

“Fainè” a Sassari, “Fainà” a Genova, “Fainò” a Carloforte, “Cecina” in Versilia, “Calda Calda” a Carrara, “Torta di ceci” o “Cinque e Cinque” a Livorno, “Socca” a Nizza. Questi sono i nomi della farinata di ceci. Ne sapete altri?

A noi piace chiamarla fainè. La fainè è un prodotto agroalimentare della tradizione italiana, molto consumato in Liguria, Toscana, Piemonte e Sardegna. A queste regioni italiane si deve aggiungere Nizza e ora va diffondendosi anche in alcune zone degli States.

Gli ingredienti della fainè sono farina di ceci, sale, acqua e olio d’oliva. E’ intrinsecamente un piatto vegetariano, anzi vegano e gluten free, squisitamente povero.

Si può preparare anche a casa ma la cottura a quasi 400 gradi di un forno professionale… beh, è un’altra cosa.
Condita all’antica o con ingredienti “innovativi”, la preparazione della fainè, di base, deve seguire queste regole:

  • scegli una farina di ceci saporita, non sono tutte uguali;
  • fai la miscela almeno sei ore prima e schiuma ogni tanto;
  • aggiungi l’olio evo sulla teglia e mai direttamente nella miscela;
  • emulsiona la miscela con l’olio direttamente in teglia;
  • usa teglie di rame stagnato e la temperatura più elevata che il tuo forno domestico raggiunge.

Gli altri segreti? Vieni a scoprirli da Grains e chiedi al nostro faineista 😉

Roberto Carta

Co-titolare Grains

Latest posts by Roberto Carta (see all)

Pubblicato da

Roberto Carta

Co-titolare Grains

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *